Amedeo Pesce, inseguitore di sogni, sfatatore di miti ed appassionato di piccole cose. Così racconta il suo nuovo album, in uscita il 3 Marzo.

image
Posted On:12.18.2017

Il prossimo 3 Marzo 2017 esce su tutti i digital store “Succede”, il nuovo lavoro discografico di Amedeo Pesce, con il lancio del primo singolo estratto “Il Girasole”.
Inseguitore di sogni, sfatatore di miti ed appassionato di piccole cose. È così che si definisce Amedeo Pesce – classe ’79 – imprenditore, fondatore del gruppo imprenditoriale Hopes. A ventidue anni, dopo essersi laureato in Economia e Commercio, ha fondato la sua prima azienda; a ventiquattro la laurea in Scienze Politiche ed a ventisei è stato il più giovane docente universitario della storia d’Italia.

Per l’uscita dell’album ci ha raccontato un po’ di cose, dal messaggio centrale del disco alle collaborazioni con Phil Spalding e Phil Palmer.

Amedeo, partiamo dal tuo nuovo disco, qual è stato il percorso che ha portato alla sua ideazione e realizzazione? In termini di contenuti a cosa si riferisce il titolo Succede?
E’ un disco che si è materializzato durante diversi anni. Alcuni brani risalgono anche al 2004. In effetti… possiamo dire che questo disco è cresciuto con me! Perché “Succede”? E’ un messaggio di speranza: qualunque avversità possiamo sperimentare, qualunque delusione, qualunque tristezza è destinata prima o poi a trovare una fine. I momenti buoni, le cose belle, succedeono e arrivano quando meno te lo aspetti. In fin dei conti la vita stessa succede.

Hai coinvolto anche musicisti internazionali nel tuo progetto. Puoi dirci qualcosa sulla collaborazione con Phil Spalding e Phil Palmer?
E’ stata una bellissima esperienza, nata come tutte le cose belle anche questa per caso. Io stavo lavorando come coproduttore al disco di Alessandro Haber e loro collaboravano con lo stesso studio di registrazione. Da lì il passo è stato breve.

Il primo singolo estratto è “Il Girasole”, come sei arrivato a questo sound che si arricchisce man mano nel suo svolgimento?
Mi piacciono le cose semplici. Ho faticato una vita per riuscire a ritornare alla semplicità e solo ora la sto intravedendo. Il sound di questo brano, come di tutto il disco è un sound semplice, come il segreto per la buona cucina pochi prodotti ma molto buoni…

Mi sembra un album che mette bene al centro il tuo animo da sognatore senza fare troppo affidamento ad effetti speciali. Quanto ti racconti in questo album?
Le mie canzoni mi rappresentano appieno perché rappresentano momenti della mia vita. Ovviamente non bisogna mai estendere troppo il discorso: le canzoni sono comunque delle fotografie di un momento, di un periodo o anche solo di un lato del carattere, di un pensiero. Quindi nessuna di esse mi rappresenta esclusivamente ma tutte insieme sì.

A questo proposito, nel disco c’è un brano intitolato “Ecco che cosa mancava”, che importanza ha per te?
E’ importante perché per certi versi “Ecco che cosa mancava” riassume lo spirito del disco. A volte ci sentiamo incompleti, insoddisfatti e per questo non al pieno delle nostre possibilità, ma non sappiamo bene capire perchè. Poi ad un certo punto accade qualcosa o arriva qualcuno ed è solo allora che capiamo cosa veramente mancava nella nostra vita.

Sei fondatore del gruppo imprenditoriale Hopes , direttore artistico della casa di produzione cinematografica Hydra Film e dell’etichetta discografica Hydra Music, regista, cantautore, scrittore di saggi e romanzi. Qual è il filo conduttore della tua vita?
Di sicuro la creatività, intesa nel senso più ampio di creazione. A me piace vivere ogni giorno una vita diversa: nuove aziende, nuove canzoni, film, libri, insomma tutto quello che possa dare sfogo alla mia necessità di mettere al mondo qualcosa. Si perché in fin dei conti le creazione artistiche, imprenditoriali o di qualsiasi altro tipo sono un po’ come se venissero al mondo, come un figlio. Si tratta sempre e comunque di un atto di amore.

Il 9 febbraio 2017 è uscito il tuo libro “Migliora la tua vita in 21 giorni”, a meno di un mese, il 3 Marzo, il tuo nuovo album. Che progetti hai per il futuro?
Ho molti progetti ma a dire il vero il futuro scombussola sempre i miei progetti per il futuro… Una cosa la posso dire però: sto lavorando come produttore e regista ad un film che gireremo a settembre. Una nuova avventura: speriamo bene!

Leave us a comment