Taxi to the Galaxy – Full Metal Breakfast

 10,00

Disponibile

COD: 8054181011920 Categoria:
It's only fair to share...Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Share on LinkedIn
Linkedin

Descrizione

Il sound dell’album ,come per il primo EP, si caratterizza di una versatilità che da sempre contraddistingue i Full Metal Breackfast. Ogni brano è diverso dall’altro e per questo unico. I piccoli dettagli che fanno la differenza portano l’ascoltatore a fluire e ballare tra le storie che ci hanno ispirato.

TRACKLIST:
1. Intro (senza testo)
2. Dr. Nakamats : è un omaggio al celebre scienziato giapponese Yoshiro Nakamats noto soprattutto per le bizzarre tecniche di ricerca scientifica e le relative bizzarre invenzioni. E’ un brano dance che lo stesso dottore nipponico apprezzò su Twitter.
3. Too old for indie : è la prima canzone FMB registrata nel 2014. Una traccia indie rock che ironizza sul fatto di “esser troppo vecchi per fare questo”.
4. Wolfman : con una forte impronta narrativa western e tramite la musica cadenzata racconta lo scontro tra due forze antagoniste. Il racconto narra la storia di un figlio che , dopo una battuta di caccia, non vedendo tornare il padre, parte alla sua ricerca. Durante la ricerca si scontra con il killer, un lupo o un nativo americano, fino a realizzare che suo padre in ogni caso non tornerà.
5. Paris : il brano raccoglie tutti gli aspetti nascosti e malinconici di un amore che un po come Parigi si rivela meravigliosa ma anche molto falsa.
6. Crazy Dog : ancora una volta è un omaggio al nostro cane e a come ha contribuito a distruggerci qualsiasi cosa.
7. Good Morning North Korea : si ironizza la storia di un cittadino nord coreano che si ritrova improvvisamente ad affrontare la morte del dittatore del paese ed invece di sentirsi finalmente libero, si interroga su cosa ne sarà lui ora che ha perso la sua guida o il suo dio.
8. Pitcairn Island : fa riferimento alla storia degli ammutinati del Bounty e suscita in chi li ascolta un pretesto per evadere dalla quotidianità e farsi dondolare dalle onde della spensieratezza.
10. Daydream : traccia molto elettronica caratterizza una svolta più “dark” del disco. Alcune paure la fanno da padrone.
11. Taxi to the Galaxy (senza testo)
12. High Sea : Quest’ultima è una canzone fresca e pop che nasconde bene, con l’uso di un ukulele, la fine o il trasformarsi di un amore mentre hai trascorso gli ultimi mesi per mare.

Recensioni

  1. FMB

    “Taxi To The Galaxy” è un album versatile, semplicemente questo.
    E’ un viaggio fatto di storie che si incrociano tra synth, chitarre, ukulele, beat, bassi e tutto quello che dopo “Three Guys, Two Snake and a Crazy Dog” avremmo voluto fare. Ironia inclusa.
    Il titolo “Taxi To The Galaxy” è un richiamo alla celebre “Le Vent Nous Portera” dei Noir Desir che con il verso

    “Génétique en bandoulière
    Des chromosomes dans l’atmosphère
    Des taxis pour les galaxies
    Et mon tapis volant dis?”

    andava a sposare perfettamente la voglia di scrivere canzoni che si avvicinassero ad una atmosfera leggera e fluida che abbiamo voluto cosi ricreare nell’album.
    L’album si va a comporre di “Too old for indie”, “Pitcairn Island”,”Wolfman” e “Dr. Nakamats” già presenti nel primo EP arrivando a “Paris” che essendo una ballata rock va ad affrontare le più classiche ed oscure sfaccettature dell’amore.
    Di diversa tematica sono invece “Crazy Dog” e “Good Morning North Korea”.
    La prima è un omaggio a Shakur (cane mascotte di FMB) che con i suoi danni ha contribuito in maniera notevole a ispirare e distruggere il disco.
    GMNK è invece ironicamente la storia di un qualsiasi cittadino Nord Coreano che alla morte dell’amato dittatore si ritrova senza una guida invece di sentirsi finalmente libero.
    Amando il genere elettronico l’album si chiude con “Daydream” e “Taxi to the galaxy”.
    Per finire, un po a sorpresa, arriva “High Sea”. Quest’ultima è una canzone fresca e pop che nasconde bene ,con l’uso di un ukulele, la fine o il trasformarsi di un amore mentre hai trascorso gli ultimi mesi per mare.
    Questa è una storia vera vissuta da Flavio. In mare per sei mesi con la marina mercantile scrive questo pezzo ritardando di fatti la chiusura del disco e la sua relativa pubblicazione.
    La copertina ,realizzata da Alessia Di Noi, rappresenta un’alieno dalle fattezze femminili che racchiude in se
    tutta la musica FMB e con leggerezza attraversa la galassia.

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *