team

Tullio De Piscopo

Tullio De Piscopo (Napoli, 24 febbraio 1951) è un batterista, cantautore, percussionista e bandleader italiano.
Il padre, Giuseppe, era a sua volta un batterista e percussionista che suonava nell’orchestra del Regio Teatro San Carlo di Napoli e nell’orchestra del Maestro Giuseppe Anepeta, uno dei più famosi arrangiatori e direttori d’orchestra della canzone napoletana, mentre il fratello maggiore Romeo (nato nel 1937) faceva parte di complessi che suonavano nella zona di Bagnoli, gravitando attorno alla base NATO. Romeo sarebbe morto a soli vent’anni nel 1957 dopo una serata con l’Orchestra del Circolo Ufficiali della base Nato di Bagnoli.
Nel 1981 realizzò con il pianista Oscar Rocchi l’album Metamorphosis, con la collaborazione di Hugo Heredia al sax soprano e al flauto, Cicci Santucci alla tromba e al flicorno, Sergio Farina alle chitarre e Julius Farmer al basso.

De Piscopo vanta collaborazioni con musicisti di rango fra i quali Max Roach M’Boom Re Percussion, Quincy Jones, Chet Baker, Pantaleon Perez Prado, Dizzy Gillespie, Gerry Mulligan, Bob Berg, Don Cherry, Gil Evans, Sal Nistico, Wayne Shorter, Slide Hampton, Billy Cobham, Kay Winding, Gato Barbieri, Vinicius De Moraes, Toquinho, John Lewis, Buddy DeFranco, Massimo Urbani, Astor Piazzolla, Eumir Deodato, Don Costa, Stéphane Grappelli, Alphonso Johnson, Bob Brookmeyer, Nanà Vasconcelos, Niels-Henning Ørsted Pedersen, Richie Havens, Mike Melillo, Dave Samuels, Dado Moroni, Franco Cerri, Enrico Intra, Guido Manusardi, Mario Rusca, Sante Palumbo, Stefano Cerri, Gianni Basso, Angel Pocho Gatti, Renato Sellani, Massimo Moriconi, Giorgio Azzolini, Luciano Milanese, Giancarlo Barigozzi, Aldemaro Romero, Giovanni Fenati, Roberto Fabbriciani, Mina, Adriano Celentano, Lucio Dalla, Manu Chao, Shirley Bunnie Foy, Dario Chiazzolino, Guido Pistocchi, George Aghedo, Al Bano Carrisi, Franco Battiato, Fabrizio De André, Enzo Jannacci, e tantissimi altri.

Fu inoltre batterista nel gruppo di Pino Daniele nei dischi Vai mo’, Bella ‘mbriana, Sciò, Common Ground, Acqua e Viento, Assaje, Ricomincio da 30, Anema e core; fece parte anche dei grandi tour con Alphonso Johnson, Gato Barbieri, Mel Collins, Mino Cinelu, Karl Potter, Tony Esposito, James Senese, Rino Zurzolo e Joe Amoruso.
Come cantante ottenne un grande successo con la canzone Andamento lento (con la quale partecipò a Sanremo 1988 e vinse il Festivalbar nello stesso anno). Altre canzoni celebri sono E allora e allora (Sanremo 1989) Stop Bajon (1984, rap composto da Pino Daniele), He’ fatte ‘e solde, eh? (1985), Jastao (estate 1990), e Qui gatta ci cova (Sanremo 1993). I suoi pezzi sono apprezzati per le sonorità jazz-pop, talvolta con venature africane, come in Radio Africa, incisa con Mory Kanté, dove compare anche un curioso campionamento di una celebre frase di Totò “Ammesso e non concesso”.
Nel 2008 è tornato a suonare, dopo quasi trent’anni, con Pino Daniele, insieme agli stessi musicisti dell’epoca (James Senese, Tony Esposito, Rino Zurzolo e Joe Amoruso).
Nel 2013 De Piscopo ha partecipato al tour mondiale con Pino Daniele suonando in importanti teatri e jazz festival, con la partecipazione di alcuni noti artisti come Marcus Miller e Mino Cinelù.
Dal 2007 è direttore artistico del Festival Sorrento Jazz.

Nel 2013 esce con etichetta Hydra Music l’album “Bitter Sweet” che inaugura la collana “All jazz” e contiene fantastiche e, nella maggior parte, inedite registrazioni di Tullio De Piscopo con Andrea pozza, Luciano Milanese, Stefano Calcagno e Rossano Sportiello. Special guest: Buddy De Franco.